1958: la nuova bandiera nazionale degli Stati Uniti guadagna un B meno

Nel 1958, gli Stati Uniti erano sul punto di ammettere Alaska e Hawaii come 49 ° e 50 ° stato. In Ohio, uno scolaro di 16 anni, Robert G. Heft, ha ricevuto un progetto scolastico di studi sociali con un obiettivo ampio: progettare un artefatto visivo originale connesso alla storia degli Stati Uniti.

Consapevole che due stati stavano per essere aggiunti all'unione, Heft decise di disegnare una nuova bandiera nazionale. Nel suo grande magazzino locale, ha speso $ 2.87 per un pezzo di stoffa blu, insieme a un po 'di nastro adesivo bianco. Lavorando al tavolo da pranzo a casa, Heft tagliò una bandiera esistente, qualcosa che fece inorridire sua madre. Ha quindi iniziato a progettare una nuova configurazione contenente 50 stelle anziché 48.

Heft ha presentato la sua bandiera aggiornata al suo insegnante - il Sig. Pratt, dal nome appropriato - che era tutt'altro che impressionato e l'ha valutato severamente: un B-meno. Secondo Heft, Pratt gli ha detto:

“Perché hai troppe stelle? Non sai nemmeno quanti stati abbiamo ... Se non ti piace il voto, fallo accettare a Washington e poi vieni a trovarmi. Potrei considerare di cambiare il voto. "

Determinato a dimostrare che il suo insegnante si sbagliava, Heft inviò il suo progetto alla Casa Bianca. Nei due anni successivi, ha seguito la sua presentazione con 21 lettere e numerose telefonate. Il presidente Dwight D. Eisenhower ha approvato il progetto di Heft alla fine del 1959 e il 4 luglio 1960 è diventata la nuova bandiera nazionale degli Stati Uniti.

Il signor Pratt ha successivamente accettato di cambiare il grado di Heft da un B-meno ad un A, sebbene a quel punto Heft si fosse diplomato al liceo.

Fonte: intervista WBUR con Robert G. Heft, 3 luglio 2009. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra esplicita autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.