Archivi categoria: Tortura

1677: i londinesi bruciano gatti vivi in ​​un papa di vimini

bruciare un gatto medievale
Come streghe, eretici, sodomiti ed ebrei, molti gatti furono bruciati vivi

I nostri antenati europei avevano davvero a che fare con i gatti, principalmente a causa della loro associazione con il diavolo o la stregoneria. Molti gatti hanno pagato il prezzo più alto per questa superstizione. Documenti dell'Europa medievale e della prima età moderna descrivono dozzine di casi di gatti bruciati vivi, sia per intrattenimento che per punteggi religiosi.

Il bruciore di gatto era particolarmente comune in Francia, dove una dozzina di gatti vivi venivano regolarmente bruciati a Parigi ogni giorno di mezza estate (fine giugno). Il cortigiano inglese Philip Sidney partecipò a uno di questi inferni felini nel 1572. Nella sua cronaca, Sidney notò che anche il re Carlo IX gettò nel fuoco una volpe viva, per ulteriore interesse.

Nel 1648, il re di Francia Luigi XIV, all'età di soli 10 anni, accese l'esca su un grande falò nel centro di Parigi, poi guardò e ballò con gioia mentre un cesto di gatti randagi veniva calato tra le fiamme. I gatti vivi venivano spesso bruciati vivi altrove in Europa, in particolare a Pasqua o nel periodo intorno ad Halloween.

Mentre il bruciore di gatto era meno comune in Gran Bretagna, vengono registrati alcuni esempi. Uno viene dalle lettere dell'inglese Charles Hatton. Nel novembre 1677 Hatton scrisse a suo fratello, principalmente su chi poteva essere nominato arcivescovo di Canterbury. Ha concluso la sua lettera descrivendo una recente celebrazione in occasione del 119 ° anniversario della salita al trono di Elisabetta I.

Al centro di questo sfarzo, scrisse Hatton, c'era una grande figura in vimini di Papa Innocenzo XI, un'effigie che secondo quanto riferito costava 40 sterline. Il papa di vimini fu fatto sfilare per Londra, poi eretto a Smithfield e dato alle fiamme. Dentro le sue viscere viziose c'erano un certo numero di gatti vivi:

“Sabato scorso l'incoronazione della regina Elisabetta è stata solennizzata in città con potenti falò e l'incendio di un papa molto costoso, portato da quattro persone in abiti diversi, e le effigi di diavoli che sussurravano nelle sue orecchie, il suo ventre pieno di gatti vivi , che squittì in modo orribile non appena sentirono il fuoco. Il detto comune per tutto il tempo era [lo stridio dei gatti] era la lingua del Papa e del Diavolo in un dialogo tra loro ".

Secondo Charles Hatton, queste celebrazioni perverse si sono concluse con l'apertura e la distribuzione di un barile di claret gratuito.

Fonte: lettera di Charles Hatton a Christopher Hatton, novembre 22 e 1677. A partire dal Corrispondenza della famiglia di Hatton, vol. 1, 1878. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1905: uno sfortunato marinaio viene frustato "su e giù"

betulla marinaio

Nel 1891, il riformatore sociale inglese Henry Salt e diversi amici fondarono la Lega umanitaria. Attiva da quasi 30 anni, la Lega ha intrapreso campagne energiche contro la crudeltà sugli animali, tra cui la vivisezione, le pratiche dei mattatoi, il commercio di pellicce e sport sanguinari come la caccia alla volpe e il cacciatore di cervi.

Salt ei suoi collaboratori hanno anche fatto pressioni per porre fine alla guerra e al militarismo, alla brutalità della polizia e alle punizioni corporali nelle scuole, nelle carceri e nei militari. Nei primi anni del XX secolo, la Lega ha chiesto la fine delle punizioni corporali nella Royal Navy, in particolare il suo uso di "betulle" o "tagli" (frustate con fasci di ramoscelli). La Marina autorizzava ed effettuava centinaia di betulle ogni anno, principalmente su giovani cadetti e giovani marinai. Era una punizione che combinava dolore intenso e salasso con umiliazione pubblica e un sottotono sessuale imbarazzante:

“L'autore del reato è legato mani e piedi ... sopra la culatta di una piccola pistola, i suoi pantaloni possono cadere sotto le ginocchia. Un'ampia tela viene fatta passare intorno al centro del suo corpo, e i suoi vestiti sono legati, lasciando le cosce e le natiche perfettamente nude ... I colpi sono espressi deliberatamente sulla carne nuda, non in rapida successione ma con una leggera pausa tra ogni colpo, rendendo la tortura e l'agonia della durata più lunga possibile. Ad ogni colpo, la carne diventa rossa, blu e nera con lividi. Dopo sei o otto colpi la pelle di solito si rompe e abbondanti flussi di sangue gocciolano lungo le gambe della vittima infelice ... Schegge di betulla rotta, bagnate di sangue, sibilano e volano in tutte le direzioni - e non di rado gli escrementi trasudanti del malato ... "

Tra 1900 e 1905 i corrispondenti dei giornali hanno discusso fino alla nausea per i meriti della punizione corporale. In una lettera a The Times un ufficiale di bandiera, il vice ammiraglio Penrose Fitzgerald, ha descritto la campagna anti-betulle come "una sciocchezza". "I giovani britannici sono stati frustati e bastonati da tempo immemorabile", ha detto l'ammiraglio, "eppure la gara non è andata male nel complesso".

D'altra parte, il pubblico era spesso scioccato dai resoconti grafici di betulle e fustigazioni navali. Nel gennaio 1905 il diario di Salt, The Humanitarian, ha pubblicato un resoconto di un testimone oculare di un intervento della Royal Navy "andato storto". Quando un bircher non è riuscito a incitare la sua vittima alle urla, è diventato troppo zelante, ha puntato 'su e sotto' e ha fatto atterrare la sua betulla su una parte particolarmente delicata dell'anatomia:

“Verso il completamento del numero di colpi, il caporale [che esegue la betulla] iniziò ad essere in ansia per la sua reputazione, quindi ricorse all'ingiusto e terribile colpo 'verso l'alto', ma il suo scopo non era vero. Il poveretto lanciò un urlo che non dimenticherò mai e svenne subito ... Fino a quando non fu esaminato chirurgicamente non c'era ansia, ma quando si seppe che non era stata inflitta alcuna ferita permanente, la questione divenne per scherzo tra quelli sufficientemente persi a ogni senso di decenza. "

Fortunatamente, la campagna della Lega umanitaria ha avuto qualche effetto. Nel 1906 la Royal Navy bandì l'uso della betulla, sostituendola con un unico bastone. Secondo i nuovi regolamenti, le fustigazioni potevano essere distribuite solo dopo un'audizione formale e non venivano più eseguite in pubblico. Negli anni '1930 c'erano poche fustigazioni effettuate su navi marittime. La fustigazione continuò ad essere utilizzata sui giovani apprendisti navali fino al 1967 quando fu abolita del tutto.

Fonte: The Humanitarian, Gennaio 1905 e marzo 1905. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1763: inadempienti fiscali bengalesi costretti a indossare pantaloni da gatto

Mir Jafar, Benedict Arnold dell'India, vende a Robert Clive e agli inglesi nel 1757.

Mir Jafar (1691-1765) è stato il nawab del Bengala dal 1757 fino alla sua morte nel 1765. Mir Jafar fu un leader militare bengalese di lunga data ed efficace, che divenne comandante in capo sotto il popolare nawab Siraj ul-Daulah. Ma nel 1750, Jafar era diventato paranoico, inconsistente e assetato di potere, forse un sottoprodotto della sua crescente dipendenza da oppio.

Nel 1757, Siraj ul-Daulah fu minacciata e assediata dalle truppe della British East India Company. Mir Jafar ha incrociato il doppio nawab trattenendo il proprio esercito e firmando un accordo segreto con Robert Clive. Siraj ul-Daulah fu sconfitto, catturato ed eseguito e Mir Jafar fu installato come nawab.

Mir Jafar ha capito subito che l'appoggio di Clive aveva un prezzo molto alto. Di fronte alle continue richieste di denaro da parte degli inglesi, Mir Jafar ha cercato di estrarlo dalla popolazione locale. Nel 1760 la riscossione delle tasse in Bengala potrebbe essere un affare brutale, sia per i funzionari che per i civili. I non pagatori sono stati affamati, hanno negato l'acqua, spogliati nudi e fustigati. Gli esattori delle tasse che non riuscivano a riempire le quote venivano appesi alle caviglie per farsi sfregare le piante dei piedi con un mattone.

Uno dei consiglieri di Mir Jafar sviluppò i suoi metodi particolarmente cattivi, descritti in un racconto persiano del 1763:

"Il dewan [burocrate] Syed Rezee Khan, che Jafar nominò per raccogliere le entrate del governo, superò il suo padrone in termini di crudeltà. Ordinò che fosse scavata una fossa all'altezza di un uomo, che era piena di escrementi umani, in uno stato di putrefazione tale da essere piena di vermi. Il fetore era così offensivo che quasi soffocava chiunque si avvicinasse ... Syed Rezee Khan, con disprezzo degli indù, chiamava questa fossa infernale Bickoont [Indù per "paradiso"]… Quelli che non pagavano, dopo aver subito le severità prima descritte, furono rinchiusi in questa fossa.

E se ciò non bastasse:

“Li obbligava anche a indossare lunghi cassetti di pelle pieni di gatti vivi. Li costringeva a bere latte di bufala misto a sale, finché non li portava in morte per diarrea. Con questi mezzi ha usato per raccogliere le entrate ... "

Non sorprende che Mir Jafar sia ancora una figura disprezzata nel subcontinente. La maggior parte lo considera l'uomo che ha venduto il Bengala e ha aperto il resto dell'India alla colonizzazione britannica. La parola "mirjafar" è un insulto bengalese che significa "traditore". Il destino dell'inventivo esattore delle tasse di Mir Jafar, Syed Rezee Khan, non è registrato.

Fonte: Francis Gladwin (trad.), Una narrativa delle transazioni in Bengala & c., London, 1788. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1709: un gentiluomo della Virginia costringe lo schiavo a bere "una pinta di piscio"

pisciare
William Byrd II, il primo fiorente moglie e torturatore di schiavi del XNXX secolo

William Byrd II (1674-1744) era un avvocato coloniale, diarista e proprietario di piantagioni, considerato da molti il ​​fondatore di Richmond, Virginia. Byrd è nato nelle colonie ma ha studiato in Gran Bretagna, dove ha studiato legge e ha ottenuto l'appartenenza alla Royal Society. Nel 1705 tornò nelle colonie dopo la morte del padre.

Tornato in Virginia, Byrd ereditò 1,200 acri, la più grande azienda privata della zona. Ha anche sposato Lucy Parke, la bellissima figlia di un altro importante colono britannico. I due si amavano sinceramente ma litigavano spesso, dopodiché generalmente facevano l'amore (Byrd registrava religiosamente i loro incontri sessuali come "furbi" o "fiorenti").

Un fedele tradizionalista, Byrd si considerava il signore e padrone della sua piantagione. Non aveva scrupoli a dispensare giustizia immediata e spesso brutale a coloro che gli disobbedivano o gli dispiacevano. Questo includeva bambini, servi, schiavi e persino animali:

"2 luglio 1720 ... ho fatto una passeggiata intorno alla piantagione e ho sparato a un vecchio cane con una freccia per avermi volato contro ..."

"23 luglio 1720 ... Jack mi ha parlato di alcuni cavalli che avevano distrutto un barile di tabacco e gli ho dato l'ordine di sparare loro come non idonei a vivere ..."

Ma probabilmente i peggiori a soffrire dell'ira di Byrd furono due dei suoi schiavi: un cameriere di nome Eugene, di circa 11 o 12 anni, e una cameriera adolescente, Jenny. Il diario di Byrd registra la dispensazione di diverse punizioni:

“8 febbraio 1709… ho mangiato il latte a colazione. Ho detto le mie preghiere. Eugene e Jenny sono stati frustati. Ho ballato la mia danza. Leggevo la legge la mattina e l'italiano il pomeriggio ... "

“10 giugno 1709… La sera ho fatto una passeggiata nella piantagione. Eugene è stato frustato per essere scappato e gli è stato dato addosso. Ho detto le mie preghiere e godevo di buona salute, buon pensiero e buon umore ... "

“3 settembre 1709 ... ho mangiato pollo arrosto per cena. Nel pomeriggio ho picchiato Jenny per aver gettato acqua sul divano ... "

"1 dicembre 1709 ... Eugenio fu frustato ..."

"16 dicembre 1709 ... Eugenio è stato frustato per non aver fatto nulla ..."

Ancora più disumana è stata la risposta di Byrd a Eugene che aveva bagnato il suo letto:

"3 dicembre 1709 ... Eugenio si è incazzato di nuovo a letto per cui gli ho fatto bere una pinta di piscio ..."

"10 dicembre 1709 ... Eugenio aveva pisciato a letto per cui gli ho dato una pinta di piscio da bere ..."

Il diario di Byrd non registra l'urina di chi è stata servita allo sfortunato domestico.

Fonte: diario di William Byrd, 1709-20. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1633: le donne attori sono "famigerate puttane"

Un disegno di William Prynne, a destra, rivisitato con le sue orecchie

William Prynne (1600-1669) era un avvocato e scrittore inglese, famoso per i suoi saggi provocatori e controversi. Uno dei più puritani dei puritani, Prynne non aveva paura di prendere la mira a convenzioni popolari, cultura o leader. Una delle sue opere più antiche e conosciute fu Histriomastix, un attacco 1633 su qualsiasi cosa considerata divertente.

Historiomastix feste fortemente criticate, balli in maschera, sagre paesane, balli misti, feste, veglie, sport, persino acconciature e vetrate colorate. Ma gran parte di questo particolare testo è una condanna delle rappresentazioni teatrali e dei responsabili di esse. Le commedie, afferma Prynne, sono "la principale delizia del Diavolo", dimostrazioni sfrenate e immorali di dissolutezza piene di:

"... sorrisi amorosi e gesti sfrenati, quei complementi lascivi, quei baci e abbracci adulteri osceni, quei piaceri lussuriosi, quei passaggi pittorici sfacciati e immodesti ... sono le stesse scuole di oscenità, vere prostitute, incesti, adulteri, ecc."

Per quanto riguarda coloro che frequentano regolarmente il teatro, sono:

"... adulteri, adultere, puttane, puttane, puttane, panders, ruffiani, ruggenti, ubriaconi, prodighi, imbroglioni, persone oziose, infami, vili, profane e senza dio."

Histriomastix era particolarmente severo con attori e attrici. I ranghi degli attori maschi, sosteneva Prynne, erano pieni di "Sodomiti" che passavano il loro tempo a scrivere lettere d'amore e "a caccia di code" di "ragazzi giocatori". Per quanto riguarda gli attori del sesso opposto, Prynne ha offerto una semplice ma pungente valutazione di quattro parole:

"Donne attori, famigerate puttane."

Questa tirata anti-thespian presto ha messo nei guai William Prynne. Una donna che amava molto i balli in maschera, i balli misti e il ruolo occasionale di recitazione era Henrietta Maria, moglie di Carlo I. La regina, che recitava in un ruolo da protagonista in una commedia di spicco non molto tempo dopo la pubblicazione di Histriomastix, ha preso le sue insulti sul personale.

Nel 1634, Prynne fu trascinata davanti alla camera delle stelle, accusata di diffamazione sediziosa contro la regina e altri e dichiarata colpevole. È stato multato di 5000 sterline, privato dei suoi titoli accademici, due giorni di gogna e condannato a farsi tagliare la parte superiore delle orecchie con le cesoie. E se ciò non bastasse, centinaia di copie di Histriomastix furono radunati e bruciati davanti agli occhi di Prynne mentre languiva nella gogna.

Fonte: William Prynne, Histriomastix, London, 1633. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.