Archivi categoria: Guerra

1625: invasione inglese contrastata da un brindisi

booze
La fallita spedizione di Edward Cecil a Cadice ... beh, all'epoca sembrava una buona idea.

Nel 1625, due comandanti militari inglesi – George Villiers, duca di Buckingham e Sir Edward Cecil – cercarono l'approvazione reale per una guerra contro la Spagna. Una campagna di successo, dissero a Carlo I, avrebbe indebolito l’impero spagnolo e fatto rivivere la gloria del 1588, quando gli inglesi respinsero l’Armada. Villiers e Cecil speravano anche di riempirsi le tasche saccheggiando le navi spagnole di ritorno dalle Americhe cariche di contanti e merci. Il loro piano fu sostenuto da Carlo I ma non dal parlamento, che non era disposto e probabilmente incapace di fornire sostegno finanziario.

Nell'estate del 1625, Cecil si trasferì nel Devon per riunire le sue forze d'invasione, ma fu afflitto da una carenza di fondi e da altre difficoltà. Si assicurò quasi 120 navi inglesi e olandesi, ma molte erano mal mantenute. La forza di terra di Cecil era composta da 15,000 uomini, la maggior parte dei quali furono messi in servizio a Plymouth e dintorni. Anche la spedizione di Cecil era scarsamente rifornita: riuscì a procurarsi provviste per appena due settimane all'estero.

La flotta salpò il 5 ottobre 1625 ma ritornò il giorno successivo a causa del maltempo. Ha salpato di nuovo due giorni dopo, ma ha subito danni a causa del maltempo al largo delle coste spagnole. Gli inglesi incontrarono diverse navi spagnole piene di carico ma, esitando, permisero loro di fuggire.

La spedizione sbarcò vicino a Cadice il 24 ottobre ma Cecil, avendo notato le fortificazioni della città, abbandonò il suo piano di attaccarla. Invece, Cecil fece marciare i suoi uomini nella direzione opposta. Con l'avvicinarsi della notte permise alla sua invasione di fermarsi in un villaggio nella regione vinicola dell'Andalusia. Sfortunatamente per Cecil, questo villaggio ospitava una grande quantità di prodotti locali. Il suo "esercito" andò rapidamente in pezzi, grazie a:

"... il malgoverno dei soldati ai quali, per avarizia o negligenza dei loro comandanti, è stato permesso di riempirsi così tanto del vino che hanno trovato nelle cantine e in altri luoghi che hanno saccheggiato, che sono diventati più simili alle bestie che agli uomini ... se il Gli spagnoli avevano una buona intelligenza e potrebbero essere stati tagliati fuori ".

Gli uomini di Cecil erano così disperatamente ubriachi che i loro ufficiali abbandonarono i piani per catturare le grandi città, o addirittura quelle più piccole. I soldati furono rimandati sulle navi. Per un po 'navigarono senza meta lungo la costa spagnola, alla ricerca di navi del tesoro da saccheggiare. Ma la scarsa igiene e la mancanza di provviste hanno presto messo a dura prova gli uomini, che hanno cominciato a morire, “molti ogni ora”.

A metà novembre la spedizione fu abbandonata e le navi, disperse in mare, cominciarono a zoppicare verso l'Inghilterra. Cecil fu l'ultimo a tornare: la sua nave fu portata fuori rotta e si perse, atterrando sulla costa meridionale dell'Irlanda a metà dicembre. Il suo ritorno pose fine a una delle peggiori campagne militari della storia inglese.

Fonte: Sir Richard Baker, Una cronaca dei re d'Inghilterra &c., 1684. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1942: LBJ vince la Silver Star per "coolness"

Nel 1942, il futuro presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson ricevette una Silver Star, la terza più alta decorazione militare della nazione - per aver mostrato "freddezza" durante un viaggio in aereo.

Johnson fu eletto alla Camera dei Rappresentanti nel 1937, settimane prima del suo 29esimo compleanno. Quando Pearl Harbor fu bombardata nel dicembre 1941, Johnson si precipitò ad arruolarsi nella Riserva Navale, probabilmente pensando che il servizio militare avrebbe migliorato le sue prospettive politiche.

A metà del 1942, Johnson, che allora ricopriva il grado di tenente comandante, si recò nel teatro del Pacifico come osservatore. Lì fece amicizia con Douglas MacArthur, che permise a Johnson di "partecipare" a un bombardamento aereo contro obiettivi giapponesi. Il 9 giugno Johnson arrivò alla pista di atterraggio di Port Moresby, in Nuova Guinea, e si imbarcò su un B26 Marauder soprannominato il Wabash Cannonball.

Avendo bisogno di "fare una pisciatina", Johnson lasciò l'aereo per alcuni minuti. Al suo ritorno trovò i posti occupati da altri ufficiali, costringendo LBJ a salire su un altro B26, il Heckling Hare. Si scopre che la vescica piena di Johnson gli ha salvato la vita: il Wabash Cannonball è stato abbattuto sull'acqua vicino a Lae, uccidendo tutti a bordo.

Anche l'aereo di Johnson venne attaccato da numerosi Zero giapponesi e fu costretto ad abbandonare la sua missione di bombardamento. Mentre il pilota, il tenente Walter Greer, lottava per sfuggire agli Zero e l'equipaggio dell'aereo controllava le armi, Johnson guardava l'intero spettacolo dal suo posto vicino al finestrino. L'attacco è durato meno di 13 minuti prima della Heckling Hare fece scivolare gli inseguitori e tornò a Moresby con un motore.

Nonostante non abbia avuto alcun ruolo attivo nella missione, Johnson è stato insignito della Silver Star – apparentemente per aver mostrato “freddezza”:

“Durante una missione per ottenere informazioni nell'area del Pacifico sud-occidentale, il tenente comandante Johnson, al fine di ottenere una conoscenza personale delle condizioni di combattimento, si è offerto volontario come osservatore in una pericolosa missione di combattimento aereo su posizioni ostili in Nuova Guinea. Mentre i nostri aerei si avvicinavano all'area bersaglio, furono intercettati da otto combattenti ostili ... L'aereo in cui il tenente comandante Johnson era un osservatore sviluppò problemi meccanici ed fu costretto a tornare indietro da solo, presentando un bersaglio favorevole ai combattenti nemici, [e] ha evidenziato marcata freddezza nonostante i pericoli coinvolti. "

Le Heckling Hare's altri membri dell'equipaggio - incluso il tenente Greer, il cui volo brillante aveva salvato la vita a Johnson - non ricevettero alcuna medaglia di alcun tipo. Greer non era nemmeno a conoscenza della Silver Star di Johnson fino a quando non l'ha letto sulla stampa. Gli uomini che sono morti sul primo B26, il Wabash Cannonball, ha ricevuto solo il Purple Heart con il rating inferiore.

Quanto a Johnson, ha mostrato un iniziale imbarazzo per la sua Silver Star, dicendo a un giornalista di Washington che non meritava la medaglia e redigendo una lettera in cui rifiutava di accettarla. Tuttavia, lo accettò e lo indossò. Quando Johnson tornò alla campagna elettorale in Texas, la sua Silver Star, forse la decorazione militare meno meritata nella storia americana, divenne una delle più indossate e citate.

Johnson ha continuato a portare la citazione della Silver Star al Senato, come vicepresidente e durante il suo mandato alla Casa Bianca.

Fonte: citazione Silver Star, Ordini generali n. 12, Area del Pacifico sudoccidentale, 18 giugno 1942. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1941: I nazisti vietano i caratteri ebraici

Memo di Bormann sotto un carattere ebraico - che ordina il divieto di caratteri ebraici

La maggior parte della stampa nella Germania della prima età moderna e del XIX secolo utilizzava due famiglie di caratteri: Antiqua ed Fraktur. Entrambi erano caratteri tipografici decorati e vecchio stile che replicavano la scrittura calligrafica. Antiqua veniva impiegato soprattutto per la stampa di testi latini, mentre Fraktur è stato utilizzato maggiormente nei documenti in lingua tedesca.

Durante il crescente nazionalismo tedesco del 1800, molti vennero a trovarlo Fraktur come carattere tipografico "tedesco" e fece pressioni sul governo e sugli stampatori privati ​​affinché lo utilizzassero di più. Otto von Bismarck si rifiutava di leggere libri in "caratteri non tedeschi" e anche il Kaiser Guglielmo II li detestava.

Quando emersero i nazisti, all’inizio degli anni ’1920, anch’essi optarono per la soluzione Fraktur e i suoi derivati. La copertina di Hitler Mein Kampf usato un disegnato a mano Fraktur font; lo impiegavano anche documenti e carta intestata ufficiali nazisti. Ciò continuò fino al gennaio 1941, quando si verificò un notevole cambiamento nell’atteggiamento nazista nei confronti della tipografia. In un editto firmato da Martin Bormann, i nazisti chiesero il divieto dell'uso futuro di Judenlettern (Caratteri ebraici) come Fraktur:

“…Annuncio quanto segue, per ordine del Führer:

È falso considerare il cosiddetto carattere gotico come un carattere tedesco. In realtà il cosiddetto carattere gotico è costituito da lettere ebraiche Schwabacher. Proprio come in seguito divennero proprietari dei giornali, anche gli ebrei residenti in Germania possedevano le macchine da stampa... e così ebbe luogo l'uso comune in Germania delle lettere ebraiche di Schwabacher.

Oggi il Führer... ha deciso che il carattere Antiqua deve essere considerato il carattere tipografico standard. Nel corso del tempo, tutto il materiale stampato dovrebbe essere convertito in questo carattere tipografico standard. Ciò avverrà al più presto possibile per quanto riguarda i libri di testo scolastici, nelle scuole di villaggio e nelle scuole elementari verrà insegnato solo il testo standard. In futuro l'uso delle lettere ebraiche Schwabacher da parte delle autorità cesserà. In futuro i certificati di nomina dei funzionari, i segnali stradali e simili verranno prodotti solo in caratteri standard...

Firmato, signor Bormann.

Ironicamente, il promemoria di Bormann uscì con la carta intestata del partito nazista, che a sua volta era stampata in formato a Fraktur font. Il motivo della svolta nazista sui caratteri tipografici non è mai stato spiegato in modo definitivo. Una teoria è che Hitler avesse un'avversione personale per i caratteri gotici più elaborati; il suo aumento del carico di lavoro di lettura nel 1939-40 potrebbe aver fatto scattare la sua miccia e aver portato al divieto Fraktur

Fonte: memo NSDAP attivo Judenlettern, firmato da Martin Bormann, 3 gennaio 1941. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1946: l'ammiraglio tedesco finge di essere pazzo e dice "bzzz, bzzz"

Karl Doenitz era un ammiraglio tedesco durante la seconda guerra mondiale e, per un breve periodo dopo il suicidio di Hitler, presidente della Germania.

Dönitz prestò servizio come tenente junior nella prima guerra mondiale, rimanendo in marina durante il periodo tra le due guerre e scalando i ranghi. Allo scoppio della seconda guerra mondiale Dönitz fu promosso contrammiraglio e incaricato della flotta di sottomarini tedeschi. Sebbene non fosse formalmente un membro del partito nazista, Dönitz era tuttavia filo-nazista, antisemita e fanaticamente fedele a Hitler. Divenne presidente il 30 aprile 1945 e supervisionò la resa della Germania agli Alleati, prima di essere arrestato tre settimane dopo.

Secondo una storia apocrifa Dönitz, che soffriva di scarso controllo della vescica, indossava diverse paia di mutande quando fu arrestato. Fu trattenuto dagli inglesi per diverse settimane, poi accusato di crimini di guerra e trasferito a Norimberga. In attesa del processo, Doenitz ammise da uno psichiatra dell'esercito americano, il tenente colonnello Douglas Kelley, di aver finto di essere pazzo mentre era in custodia britannica:

“Due compagni e io abbiamo deciso che avrebbe potuto aiutare i nostri sforzi a scappare se fossimo stati giudicati pazzi. Camminammo, le nostre teste chine verso il basso, dicendo "Bzzz, bzzz" e insistendo che eravamo sottomarini. Ma i medici britannici erano troppo intelligenti per noi ".

Dönitz è stato condannato per crimini di guerra militare ma assolto dai crimini più gravi contro l'umanità. Condannato a 10 anni di reclusione, fu detenuto a Spandau fino al 1956. Dopo il suo rilascio Dönitz si ritirò nel nord della Germania dove scrisse due memorie, rimanendo impenitente per il suo ruolo nella guerra. Morì nel 1980, all'età di 89 anni.

Fonte: Douglas M. Kelley, Ventidue celle a Norimberga: uno psichiatra esamina i criminali nazisti, 1947. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1162: Cogliere i fichi dai genitali dei muli salva vite umane a Milano

Federico I - non un uomo con cui scherzare

Federico I (1122-90) era un abile comandante militare, astuto stratega politico e leader carismatico. Conosciuto come "Barbarossa" per la sua barba rossa, Federico regnò come Duca di Svevia (1147), re dei territori tedeschi (1152) e Imperatore del Sacro Romano Impero (1155).

Alla fine degli anni 1150, Federico marciò con il suo esercito nel nord Italia per sopprimere le città recalcitranti della Lombardia. Durante questa campagna Federico lasciò la moglie Beatrice a Milano. I milanesi, però, la trattarono male, sequestrando Beatrice, caricandola di schiena su un mulo e costringendola a uscire dalla città.

Federico fu indignato da questo grossolano insulto ma non dovette aspettare molto per la sua vendetta. Nel marzo 1162 le sue forze assediarono Milano, che capitolò rapidamente. Secondo cronisti come Giambattista Gelli, ripetuto qui da Nathaniel Wanley, Federico si vendicò per l'incidente del mulo - e alcuni altri:

"L'Imperatore, giustamente incensato, esortò gli [cittadini] assediati a cedere, cosa che alla fine fecero ... li accolse con misericordia a questa condizione: che ogni persona che desiderava vivere dovrebbe, con i denti, prendere un fico dal genitali di un [lei] mulo. "

Secondo due resoconti, questo bizzarro rito si sarebbe svolto nella piazza più grande di Milano. Alcuni milanesi si rifiutarono di parteciparvi e furono debitamente decapitati, ma la maggior parte si sottomise. Federico rimase fedele alla sua parola, risparmiando la vita, tuttavia per decenni l'incidente fu usato per umiliare e insultare i milanesi. Il segno di fico - un gesto offensivo della mano medievale - potrebbe benissimo derivare da questo evento.

Fonte: Nathaniel Wanley, Le meraviglie del piccolo mondo o una storia generale dell'uomo, 1678. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1871: il parigino sconsiglia il gusto dell'elefante

elefante
Una replica di un menu apparso durante l'assedio di Parigi del 1870-71

Nel settembre 1870, l'esercito prussiano, guidato dal futuro imperatore tedesco Guglielmo I, pose l'assedio a Parigi. La città era ben difesa così i prussiani decisero di forzare la resa bloccandola e affamandola.

La città rimase ribelle, ma all’inizio di novembre le dispense di carne di Parigi erano quasi vuote. Senza carne di manzo, maiale o montone disponibile, i parigini iniziarono a consumare quelle che curiosamente chiamavano "carni varie".

La prima ad apparire nelle macellerie e nei menù fu la carne di cavallo, poiché i cavalli da compagnia, da lavoro e da corsa della città venivano macellati e venduti. Anche cani, gatti e ratti venivano raccolti per il consumo umano. La carne di un “cane qualunque” veniva venduta a quattro o cinque franchi al chilo, ma un “cane addestrato” poteva valere quasi il doppio. Un topo vestito o affumicato veniva venduto per due o tre franchi, mentre un gatto intero poteva arrivare a dodici franchi.

Un corrispondente di nome Vizetelly ha parlato favorevolmente della carne di gatto, che:

"..cucinato alla griglia e condito con pistacchi, olive, cetriolini e peperoni... si è rivelato un piatto davvero prelibato."

Anche la fornitura di gatti, cani e ratti è diminuita, spingendo le attenzioni culinarie a rivolgersi allo zoo locale. Nei mesi di novembre e dicembre, il serraglio del Jardin des Plantes di Parigi ha ricevuto ingenti offerte da parte di ricchi locali, finendo per vendere più della metà dei suoi animali. I cervi e gli ungulati furono i primi ad andarsene, seguiti dai cammelli, dai canguri, dai lupi e dalle zebre dello zoo. Tutti venivano macellati, macellati e venduti a prezzi elevati come "carni esotiche".

Alcuni animali sopravvissero, inclusi i grandi felini dello zoo, l'ippopotamo e i primati, come registrato da Labouchere:

“Tutti gli animali nei giardini zoologici sono stati uccisi tranne le scimmie. Questi sono tenuti in vita da una vaga idea darwiniana che siano nostri parenti, o almeno i parenti di alcuni membri del governo ".

Due animali meno fortunati erano gli elefanti maschi dello zoo, Castore e Polluce. Entrambi gli animali furono acquistati per 27,000 franchi da un droghiere parigino e spediti con proiettili da 33 millimetri, prima di essere fatti a pezzi e venduti a prezzi esorbitanti. Solo i parigini più ricchi potevano permettersi una fetta di pachiderma, ma secondo Labouchere la carne di elefante non era niente di entusiasmante:

“Ieri ho mangiato una fetta di Polluce per cena. Polluce e suo fratello Castore sono due elefanti che sono stati uccisi. Era duro, ruvido e untuoso. Non consiglio alle famiglie inglesi di mangiare elefanti, purché riescano a procurarsi carne di manzo o montone ".

All'inizio di gennaio 1871, i prussiani iniziarono a bombardare Parigi con l'artiglieria pesante. Dopo aver sostenuto tre settimane di fuoco di artiglieria, i francesi si arresero il 28 gennaio. I prussiani vittoriosi poi revocarono l'assedio e inviarono carri carichi di cibo nella città affamata.

Fonte: Henry Vizetelly, Parigi in pericolo, 1882; Henri Labouchere, Diario di un residente assediato a Parigi, 1871. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1871: il servizio di guerra del generale dell'Unione causa gravi problemi al retto

Il maggiore generale George Stoneman ... ahi.

George Stoneman era un generale dell'Unione durante la guerra civile degli Stati Uniti e, successivamente, governatore della California. Stoneman è nato nell'estremo angolo occidentale dello stato di New York, il maggiore di dieci figli. Da adolescente fu mandato a studiare a West Point, dove condivise una stanza con il più noto Thomas "Stonewall" Jackson. Stoneman si laureò nel 1846 e trascorse i successivi 15 anni come ufficiale di cavalleria in California e nel Midwest.

Quando scoppiò la guerra civile nel 1861, Stoneman fu rapidamente promosso al grado di bandiera e ricevette il comando sia delle divisioni di cavalleria che di fanteria. Fu catturato dai Confederati nel 1864 e per alcuni mesi fu il loro prigioniero di guerra di grado più alto. Stoneman fu rilasciato a metà del 1864 come parte di uno scambio di prigionieri, tornando in servizio attivo e comandando una divisione che dilagò nel sud negli ultimi mesi di guerra.

Quando la guerra civile finì nel maggio 1865, Stoneman aveva trascorso la maggior parte del tempo in sella, partecipando ad alcune campagne lunghe e ardue. L'effetto che ciò ebbe sul suo fondoschiena fu successivamente rivelato in una rissa legale del dopoguerra. Ritirato e in pensione al grado di colonnello, piuttosto che al grado di brevetto di maggiore generale, Stoneman presentò una petizione all'esercito per una pensione migliore, citando angosciosi problemi medici che aveva incontrato al servizio dell'Unione:

"La disabilità sotto la quale ora lavora è stata causata da una serie continua di ferite contuse da sobbalzi in sella durante le sue incursioni in Tennessee, Virginia, North Carolina e Georgia ... All'inizio delle sue campagne soffriva gravemente di emorroidi, e sotto questo un duro servizio si è verificato un'estrema caduta del retto, pari a un'estrema protrusione dell'intestino, che tuttavia con grande difficoltà [è stato] restituito e mantenuto in posizione ... La morte stessa è preferibile alle lesioni che ha subito ".

Stoneman continuò questa lotta fino all'inizio degli anni 1880 ma, purtroppo, non ebbe successo. Nel 1881, il procuratore generale degli Stati Uniti stabilì che le ferite di Stoneman “non erano ferite ricevute in battaglia” ma erano il risultato della “malattia di cui soffriva”. Molto addolorato, Stoneman entrò in politica, servendo per un mandato come governatore della California. Successivamente tornò nella sua nativa New York, dove morì poco dopo il suo 72esimo compleanno.

Fonte: Lettera del comitato medico al Segretario alla Guerra, 2 novembre 1871. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1899: Ufficiale della Marina sbattuto per aver baciato le donne 163

baci
Richmond Hobson, 'eroe del Merrimac'e sex symbol del 1890

Richmond P. Hobson (1870-1937) era un ufficiale della marina americana. Nato e cresciuto nelle zone rurali dell'Alabama, Hobson si iscrisse all'Accademia navale degli Stati Uniti, ad Annapolis, all'età di 14 anni. Nel 1889, si diplomò come primo della sua classe, sebbene la rigida disciplina di Hobson e l'avversione sia per l'alcol che per il tabacco lo rendessero impopolare tra i compagni di classe.

Quando scoppiò la guerra tra Stati Uniti e Spagna nel 1898, Hobson fu inviato a Cuba. Nel maggio 1898 gli fu ordinato di prendere il controllo di una nave carboniera, la Merrimac, e affondarlo all'imboccatura del porto di Santiago, nel tentativo di intrappolare le navi spagnole all'interno del porto. Hobson è riuscito ad affondare il Merrimac, anche se non abbastanza accuratamente da bloccare l'imboccatura del porto. Lui e i suoi uomini furono catturati e detenuti dagli spagnoli.

Sebbene la missione di Hobson fallì, la stampa sciovinista americana la presentò in modo molto diverso. Hobson è stato acclamato come “l'eroe del Merrimac" il cui coraggio e audacia avevano ostacolato gli spagnoli. I giornali riportavano storie del suo coraggio e ritratti dell'affascinante giovane ufficiale, che divenne una celebrità e un sex symbol, anche se rimase prigioniero di guerra.

Hobson fu rilasciato più tardi nel 1898 e rimpatriato negli Stati Uniti. Ha fatto una serie di apparizioni pubbliche, la maggior parte delle quali sono state inondate da giovani donne entusiaste. Ma questo pubblico pubblico ha prodotto "spettacoli scioccanti" che hanno portato alla caduta di Hobson in disgrazia con la stampa:

«La scena all'Auditorium di Chicago, quando il tenente Hobson è stato baciato da 163 donne morbose, è stata disgustosa. È deplorevole. È triste che un uomo del suo eccellente coraggio e della sua fine intelligenza dimentichi finora la dignità della marina americana da prestarsi a un'esibizione pubblica di isteria femminile ... Non ci stancheremo mai di vantarci dei suoi nervi e della sua incrollabile devozione al dovere ; ma è probabile che nessuno ci senta mai vantare della sua modestia o del suo buon gusto ".

I rapporti sono stati anche aspri sulle giovani donne che si sono precipitate a baciare l '“eroe del Merrimac"

“Non abbiamo dubbi che si vergognino vivamente di se stessi. In ogni caso dovrebbero esserlo. "

Hobson rimase nella Marina, raggiungendo il grado di capitano, prima di dimettersi in 1903. L'anno seguente fu eletto alla Camera dei rappresentanti, dove prestò servizio fino a 1916. In 1933 ha ricevuto la Medal of Honor e una pensione speciale per i suoi exploit a bordo della Merrimac.

Fonte: Pullman Herald, 21 gennaio 1899. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1920: l'uomo tedesco sculaccia la moglie americana per vendicare la sconfitta della guerra

Nell’ottobre del 1920, un uomo di New York di origine tedesca di nome Paul Schoenhoff comparve davanti a un magistrato accusato di “condotta disordinata”. L'accusa derivava dall'abitudine di Schoenhoff di dare una “sculacciata all'antica” a sua moglie Matilda.

Questa pratica non doveva essere stata facile, affermava un articolo di stampa, poiché Matilda Schoenhoff pesava 200 libbre mentre l'imputato era notevolmente più piccolo. Schoenhoff costrinse anche la moglie a vivere nel seminterrato e le fece pagare l'affitto di sei dollari al mese.

Alla domanda sotto giuramento sul perché suo marito l'ha sculacciata, Matilda Schoenhoff ha detto che si trattava di un atto di punizione per la sconfitta della Germania nella prima guerra mondiale:

"Quando le è stato chiesto il motivo per cui l'aveva sculacciata, ha risposto che avrebbe risposto che lui era un tedesco e lei un americano e che si sarebbe vendicato picchiandola."

Schoenhoff è stato dichiarato colpevole, messo in libertà vigilata e ha avvertito di non maltrattare la moglie in futuro.

Fonte: The New York Tribune, 24 ottobre 1920. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1915: gli austriaci inventano biancheria intima elettrica per la guerra di trincea

Alla fine del 1915, i giornali europei e statunitensi riferirono che i soldati tedeschi e austriaci congelati sul fronte occidentale avrebbero presto potuto beneficiare di una nuova entusiasmante invenzione: la biancheria intima elettrica.

Sviluppata da Max Beck dell'Università di Innsbruck e dal professor Herman von Schroter di Vienna, la biancheria intima era realizzata in tessuto non conduttivo intrecciato con fili sottili, in modo simile alle moderne coperte elettriche. Ogni coppia conteneva un fusibile di sicurezza per prevenire sovraccarichi e folgorazioni. La loro produzione costa circa otto sterline o 20 dollari. Secondo i resoconti americani:

“Per ogni serie di trincee è necessario installare un impianto elettrico, dal quale partono i fili conduttori. Quando un soldato ha freddo, tutto ciò che deve fare è collegare la sua biancheria intima con i fili della corrente... Come ora perfezionato, sarà possibile per i soldati riscaldarsi con questi indumenti elettrici [fino a] 1,500 piedi di distanza."

Fonte: La Domenica Times (Londra), novembre 21st 1915; Corriere Keowee, 29 dicembre 1915. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2019-23. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso or contatta Alpha History.